Rinuncia ai tuoi sogni di perfezione

di barabeke

Credere che la perfezione sia raggiungibile ed essere ossessionati da essa ha del diabolico (nella tradizione il diavolo è un aspirante Dio che si sforza disperatamente di apparire come esso). Questo cammino conduce alle tenebre e alla disperazione, non importa quanto uno possa apparire perfetto.

Se invece aspiri alla perfezione considerandola una cima inaccessibile a cui puoi al massimo avvicinarti, se sei consapevole che prima o poi cadrai ma sarai capace di rialzarti e riderci sopra, allora sarai un essere umano baciato dalla grazia divina.

Così parlò Barabeke 01

Commento

Come avrete notato la differenza è minima. Il bene e il male non sono necessariamente i due estremi di una linea. Immaginate che questa linea sia la circonferenza di un cerchio, con il bene e il male che arrivano quasi a toccarsi, due punti separati da un capello invisibile. Questi diversi approcci verso la perfezione non sono semplici da distinguere in un individuo perfezionista ma possono fare la differenza tra una vita di disperazione e una piena di senso e soddisfazioni. Non a caso si dice che “il diavolo è nei dettagli”…

Non serve che tu la veda in termini di dio/diavolo o bene/male, ho usato questi termini perché li trovo comodi e perché questa saggezza si può ritrovare nella tradizione cristiana. La mia filosofia è in realtà più vicina al buddismo e trova espressione nei Dieci Comandamenti per il Millennio Digitale, il messaggio spirituale di cui sono veicolo.

Support my artistic mission on Patreon
0 commenti

Ti potrebbero piacere anche

Pubblica un commento

Questo sito fa uso di cookie per migliorare la tua esperienza. Accetta per continuare. Accetta Maggiori info